Fase 2 post COVID-19
Sono previsti sconti personalizzati.
Contattami per avere ulteriori informazioni sulle modalità e gli sconti disponibili.
(+39) 347 5700174

Siamo arrivati quasi alla fine dell’acronimo S.O.R.R.I.S.O.

Quando mi stavo preparando per la tesi, sapevo che non avrei scelto la strada del lavoro dipendente, perché non posso pensare che qualcuno mi dica cosa fare nel mio lavoro.

La responsabilità del mio lavoro ricade sempre su di me, per cui è importante che il mio operato sia in linea con quelle che sono le mie idee a riguardo.

La donna in genere sceglie il lavoro dipendente perché così si sente più tutelata: maternità, ferie, malattie, permessi… Non si deve cercare il lavoro, esso viene da sé in struttura.

C’è anche chi segue i protocolli perché si sente al sicuro, dentro a schemi comprovati nella loro idoneità ed efficacia. Io, pur rispettando chi lavora per qualcuno, ho sempre visto la donna come una figura molto più influente rispetto agli standard di oggi.

La donna può essere la figura di riferimento in molti ambiti. La donna può insegnare come sviluppare il sentire, l’empatia, l’intuito, il ritorno alla fisiologia, la coesione. Purché lei stessa ne abbia esperienza. E’ importante servire gli altri, lavorando bene sul proprio intimo, sul sentito che ci caratterizza, superando i propri limiti e paure.

La donna può aiutare a tirar fuori ciò che è nascosto nell’animo delle persone. 

 

 

La donna può essere il tramite tra il mondo terreno e quello sottile.

La donna può insegnare il coraggio, la forza interiore, può dare lo spunto per intraprendere nuove strade, può insegnare a vivere nell’amore e nella comprensione, può insegnare il perdono.

La donna può insegnare il gusto per il bello e l’armonia. La donna può fungere da trade union tra il mondo materiale e quello spirituale. E’ lei più di tutti che può destreggiarsi tra il potere e la compassione, tra la logistica e il tempo libero, tra la preghiera e le scadenze, perché ha esperienza di entrambi i lati della medaglia.

Alcuni dei miei pazienti mi hanno detto che vengono da me perché ho la capacità di un uomo ma la sensibilità di una donna. Non male, vero?

 

I . S. sta per le mie iniziali: India Simi

 

 

 

 

Programmi della salute

segui i nostri percorsi pensati proprio per te



vedi i programmi  

Non hai deciso?

Se non sei ancora deciso prova a contattarmi, troverai le risposte che cerchi


  (+39) 347 5700174